Relazione geologica: cos’è é? e cosa contiene?

La relazione geologica è la relazione specialistica riferita a una specifica opera, o opere in progetto, che contiene l’elaborazione dei dati e delle informazioni stratigrafiche derivanti da un rilevamento tecnico.

Advertisement
Contatta ora un nostro Esperto Geologo!

Vuoi confrontarti con un nostro esperto Geologo?
Contattaci per una prima consulenza gratuita senza impegno.

Ti risponderemo entro 15 minuti!

    È la relazione che racchiude l’elaborazione dei dati stratigrafici derivanti sia dalle indagini eseguite sia dalle informazioni presenti in bibliografia e non solo. Contiene anche l’inquadramento geologico regionale e di dettaglio del sito di progetto, la valutazione dell’interazione geomorfologica e idrogeologica tra il sistema e l’opera o le opere, e la modellazione geologica del volume significativo.

    L’elaborato contiene:

    1. la descrizione dell’assetto geologico, geomorfologico e idrogeologico dell’area in cui l’opera ricade;
    2.  il modello geologico del volume significativo che è alla base del modello geotecnico;
    3. la descrizione dei caratteri fisici delle unità litologiche presenti entro il volume significativo.

    RELAZIONE SULLE INDAGINI

    La relazione sulle indagini è la relazione specialistica che racchiude il resoconto del rilevamento tecnico eseguito nel sito di progetto. È l’elaborato che racchiude il lavoro svolto a partire dalla pianificazione del piano d’indagine fino all’esecuzione delle prove in sito e in laboratorio previste, finalizzate alla caratterizzazione fisica e meccanica del sito di progetto e alla modellazione geologica, sismica e geotecnica del volume significativo.

    L’elaborato contiene:

    1. il piano delle indagini eseguite;
    2. i risultati dei rilevamenti eseguiti (topografico, geologico, geomorfologico, ecc.);
    3.  i report delle prove eseguite in sito (prove sismiche, sondaggi, ecc.);
    4. I  report delle prove eseguite in laboratorio (prove di taglio, edometriche, ecc.).

    RELAZIONE SISMICA

    La relazione sismica è la relazione specialistica riferita a una specifica opera che contiene l’elaborazione dei dati e delle informazioni sismostratigrafiche derivanti da un rilevamento tecnico.
    La relazione sismica è la relazione specialistica che contiene l’elaborazione di tutti i dati sismostratigrafici derivanti sia dalle indagini eseguite sia dalle informazioni presenti in bibliografia. Contiene la storia sismica, la valutazione dell’azione sismica, e la modellazione sismica del sito di progetto che, insieme al modello geologico, è alla base della modellazione geotecnica.

    L’elaborato contiene:

    1. la descrizione dell’assetto sismico dell’area in cui l’opera ricade;
    2. il modello sismico del sito di progetto;
    3.  la descrizione dei caratteri delle unità sismiche presenti entro il volume significativo.

    RELAZIONE GEOTECNICA

    La relazione geotecnica è la relazione specialistica riferita a una specifica opera che contiene l’elaborazione dei dati e delle informazioni litotecniche derivanti da un rilevamento tecnico.
    La relazione geotecnica è la relazione specialistica che contiene l’elaborazione di tutti i dati litostratigrafici derivanti sia dalle indagini eseguite sia dalle informazioni presenti in bibliografia. Contiene la determinazione dei parametri di progetto e, più in generale, di tutti i parametri da utilizzare nelle verifiche; inoltre, contiene la modellazione geotecnica del sito di progetto e l’esecuzione della verifica delle prestazioni e della sicurezza.

    L’elaborato contiene:

    1. il modello geotecnico del sito di progetto;
    2. la descrizione dei caratteri meccanici delle unità litotecniche presenti entro il volume significativo;
    3. la determinazione dei parametri di calcolo;
    4. la verifica della sicurezza e delle prestazioni attese.

    Le Norme Tecniche per le Costruzioni disciplinano la redazione di una serie di elaborati progettuali; tra questi, quelli che riguardano la professione del geologo sono appunto la relazione sulle indagini, la relazione geologica, la relazione sismica e la relazione geotecnica. Nel dettaglio, quelle di esclusiva competenza del geologo sono la relazione geologica e la relazione sismica. Le norme vigenti danno dunque vita a una progettazione sempre più articolata e dietro a ogni progetto c’è il lavoro e la collaborazione di diverse figure professionali quali geologi, ingegneri, archeologi, e così via, ognuno dei quali contribuisce al progetto nell’ambito delle proprie competenze.
    Un geologo può ritrovarsi quindi a pianificare le indagini, a eseguire e/o a elaborare le prove in sito e/o in laboratorio di un progetto, a svilupparne il modello geologico e/o sismico e/o geotecnico, a scrivere la relazione sulle indagini, la relazione geologica, la relazione sismica e la relazione geotecnica e così via. Ogni elaborato progettuale rappresenta la sintesi di un lavoro che richiede tempi estremamente variabili a seconda della complessità del progetto: le relazioni specialistiche sono quindi la conclusione di un lavoro svolto, per il quale sono serviti a volte in mesi, a volte in anni.

    La redazione delle relazioni specialistiche necessita di figure professionali diverse e qualificate: la stesura della relazione geologica e della relazione sismica, ad esempio, implica una buona conoscenza della geologia generale, della geomorfologia, dell’idrogeologia e della sismica. Senza tali conoscenze diventa complicato valutare l’interazione tra l’opera o le opere in progetto e il sito di progetto, valutare i potenziali rischi e pericolosità presenti in relazione all’opera e la loro probabile evoluzione nel tempo. Senza le competenze specifiche di un geologo è complicato elaborare un buon modello geologico rappresentativo del sito di progetto.

    La stesura della relazione geotecnica e della relazione sulle indagini implica una buona conoscenza delle tecniche di esplorazione del sottosuolo, della geotecnica generale, della geotecnica specifica di un’opera e richiede un costante aggiornamento normativo. Senza tali conoscenze, infatti, diventa complicato misurare l’interazione tra l’opera e il sito di progetto che si ha entro il volume significativo, interpretare i report delle prove, elaborare e scegliere i parametri da utilizzare, elaborare un buon modello geotecnico. Insomma diventa complicato fare le verifiche e soprattutto interpretarne i risultati.